Posso
aiutarti?

Dettaglio Prodotto

Prodotto in Pronta Consegna
Prodotto in Promozione
TECNOTIPO I serie 03 - Manuale di Progettazione -
MANCOSU EDITORE
Manuale di Progettazione - Musei
Giovanni Longobardi
2007
pagine 468, formato 24,2x30,5 cm
€ 200,00 in offerta a € 180,00
ISBN
9788887017557
Quantità
  

MANCOSU EDITORE Manuale di Progettazione - Musei

Ogni anno non meno di cento musei vengono aperti al pubblico: molti di questi, fin dal loro nascere, sono circondati dal prestigio dell’istituzione, dalla fama del progettista e dagli enormi investimenti impiegati per costruirli, e raggiungono la notorietà presso il grande pubblico attraverso la carta stampata non specialistica, la televisione e internet. Dacirca trent’anni - dall’apertura del Beaubourg nel 1977 - l’ascesa globale delmuseo non conosce soste, e lo vede non solo al centro di manifestazioni mediatiche, ma anche di durature e consistenti operazioni di rinnovo urbano.Non c’è dubbio, d’altra parte, che nella biografia degli architetti il confronto con il museo è un momento di particolare intensità. I suoi contenutie la posizione di eccellenza tra gli edifici pubblici della città moderna ne fanno sempre un tema di particolare tensione progettuale.

Questo testo sui musei fa, appunto, parte di una collana di manuali di progettazione:ma come può essere definito, nella condizione odierna, un museo da manuale?

L’interrogativo è difficile, perché gli scopi fondamentalidel museo - esporre oggetti e accogliere pubblico - si incrociano oggi con fenomeni di più vasta portata, e al tempo stesso più sfuggenti, come la globalizzazione dei fenomeni artistici e dei linguaggi dell’architettura,l’interesse economico per la cultura, la dilatazione dello spazio turistico. La derivante sovrapposizione di prospettive non consente di considerare i musei contemporanei solo nella logica, per così dire, di autosufficienza edilizia e figurativa; di conseguenza, la valutazione della rispondenza ai loro scopi,funzionali e simbolici, andrebbe necessariamente riferita a un contesto urbanoe culturale più ampio.

Si è cercato di affrontare questo compito per parti,articolando il volume in sezioni, concatenate da un nesso logico, seppur dotate di una certa autonomia tematica, tanto da poter essere lette anche separatamente, ciascuna secondo le proprie finalità.

La sezione A posiziona l’architettura del museo nelladimensione storica, a partire dal momento fondante della sua funzione eminentemente pubblica, e attraverso la fase modernista, particolarmente decisiva nel determinare le più significative tendenze del museo contemporaneo.
La sezione B delinea i temi culturali emergenti nella progettazione del museo attuale, come premessa agli aspetti più propriamente manualistici, nella convinzione che i manuali più utili, in tutti i campi del sapere, non sono quelli che riportano soluzioni preconfezionate, ma quelli che cercano di spiegare quali siano i problemi da risolvere con le indicazioni proposte.

Carrello